ENJOYrOLLING.org
Portale Italiano della Canapa ©

 

Art. 663-bis (Divulgazione di stampa clandestina)
La legge

CODICE PENALE

Art. 663-bis (Divulgazione di stampa clandestina)
Salvo che il fatto costituisca reato, chiunque in qualsiasi modo divulga stampe o stampati pubblicati senza l'osservanza delle prescrizioni di legge sulla pubblicazione e diffusione della stampa periodica e non periodica, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da lire duecentomila a un milione duecentomila.


I giornalisti hanno ragione.

Hanno ragione a tutelarsi da tutti coloro che scrivono senza essere iscritti all'albo, da quella massa di incapaci che si ostinano a imbrattare il WEB con le loro fandonie, da editori senza scrupoli che assumono giovani, e meno giovani, senza tessere in tasca, da testate giornalistiche prive di collocazione, di registrazione in tribunale, di direttori responsabili eccetera, eccetera.

I giornalisti hanno santa ragione.

Hanno ragione a limitare l'espressione di chi non ha le qualifiche legali per parlare, hanno ragione a sostenere che il WEB sia una GIUNGLA SENZA REGOLE, hanno ragione a ritenere i freelance, i collaboratori, i web editor degli incapaci imbratta schermi.

I giornalisti hanno più che ragione.

Hanno ragione a esultare per una legge liberticida, censoria e corporativa. Hanno ragione a compiacersi dell'unanimità (sic) parlamentare che ha approvato la loro legge. Hanno ottimi motivi per ritenersi nuovamente gli unici depositari dell'informazione.
I giornalisti hanno vinto, la corporazione ha vinto.

Ma noi non siamo giornalisti.
Questa legge vale per i giornalisti, solo i giornalisti hanno il dovere di rispettarSELA.
Noi non siamo giornalisti, non facciamo informazione, non diamo notizie, non scriviamo articoli, non intervistiamo realmente nessuno, non facciamo gli editori, non pubblichiamo riviste, ne siti di informazione periodica...
Noi smetteremo di fare tutto questo per attenerci alla legge che dice:
-Non costituiscono prodotto editoriale i supporti che riproducono esclusivamente suoni e voci, le opere filmiche ed i prodotti destinati esclusivamente all'informazione aziendale sia ad uso interno sia presso il pubblico-

Vorrà dire che noi, d'ora in poi, sosterremo che ogni nostra riga è "esclusivamente suono o voce o opera filmica" e che è " destinata esclusivamente all'informazione aziendale sia ad uso interno sia presso il pubblico" se ci credete bene, altrimenti vorrà dire che siete dei sovversivi irrispettosi della legge e del buon vivere civile.
Cosi è, se vi pare...

Doctor Schultes


ll