[ HOME ]


.

HOME - STORIA - IL PROIBIZIONISTA
.
Kofi Annan il proibizionista
V I V A V O C E 26 giugno 2000

Internet: http://www.radio24.it/

Versione stampabile | Invia ad un amico

MESSAGGIO DEL SEGRETARIO GENERALE DELLE NAZIONI UNITE, KOFI ANNAN, IN OCCASIONE DELLA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L’USO ED IL TRAFFICO ILLECITO DI DROGA

“Affrontare la realtà: il rifiuto, la corruzione e la violenza”

26 GIUGNO 2000

KOFI ANNAN SOLLECITA UN NUOVO IMPEGNO PER ELIMINARE LA PIAGA DELLA DROGA

Lo scorso anno ha segnato la conclusione del Decennio delle Nazioni Unite contro l’Abuso di Droga. Guardando al passato e considerando la mobilitazione senza precedenti contro l’uso ed il traffico illecito di droga, abbiamo motivo di rallegrarci. Una crescente cooperazione internazionale sta finalmente comprendendo la natura globale del commercio della droga. La consapevolezza degli effetti distruttivi dell’abuso e del traffico di queste sostanze è in crescita. E, crucialmente, la percezione che la soluzione del problema della droga sia raggiungibile sta gradualmente prendendo piede.

Tuttavia, la nostra lotta contro la minaccia della droga è tutt’altro che finita e una vittoria in questa difficile impresa rimane ancora senza certezze. In questa Giornata Internazionale Contro l’Abuso ed il Traffico Illecito di Droga, riaffermiamo il nostro impegno nel reprimere questa piaga al fine di aprire con questo nuovo secolo un’era veramente libera dalla droga.

In questo mondo che si avvia rapidamente verso la globalizzazione, la minaccia della droga non conosce frontiere. Non è circoscritta in nessun strato sociale e non riguarda in maniera esclusiva nessuna regione. E’ un problema globale con costi esorbitanti di natura economica e sociale. Molti dei problemi pressanti che affliggono le nostre società sono alimentati dal traffico di droga. Le immense somme di denaro provenienti dal traffico di droga alimentano una cultura di corruzione e di violenza che lacera il tessuto della società civile. Ai funzionari governanti e alle forze dell’ordine sottopagate vengono offerte bustarelle che possono eccedere l’ammontare del loro stipendio annuo - una vera tentazione anche per i più onesti. Il riciclaggio di denaro sporco mina l’integrità delle istituzioni finanziarie, inoltre devia le risorse verso l’economia sommersa e non ufficiale e verso i paradisi fiscali. I proventi della droga rendono la facoltosa elite coinvolta sempre più ricca, mentre il divario fra i ricchi ed i poveri aumenta sempre di più.

La violenza è l’altra faccia della medaglia del traffico della droga: violenza contro le autorità, violenza fra le bande rivali di trafficanti, violenza criminale da parte dei drogati per sostenere la loro dipendenza, violenza nell’ambito della famiglia che si disintegra. Soprattutto prevale la violenza del drogato nei propri confronti, che si manifesta nella distruzione del corpo e dell’anima. In ogni caso l’abuso di droga rimane una tragedia del singolo individuo. Esso colpisce la salute della persona, il suo benessere e distrugge la sua capacità di apportare un significativo contributo alla società.

Non esistono facili soluzioni ad un così difficile problema. La comunità internazionale ha già intrapreso il cammino per combattere l’approvvigionamento di droghe illegali. Nonostante ciò, il traffico è alimentato dalla domanda. Si può comunque fare molto di più, specialmente riguardo la prevenzione dell’uso di droga. Le armi in questa lotta sono semplici: il senso comune e la buona volontà che si possono trovare in qualsiasi ambiente. I giovani hanno bisogno di protezione, aiuto e guida dai loro genitori e dalla comunità. Hanno bisogno di modelli che li aiutino a trovare il cammino giusto – un cammino senza droga – all’interno della realtà difficile nella quale viviamo.

Vorrei inoltre ribadire, in questa Giornata Internazionale Contro l’Abuso di Droga, che la lotta in cui siamo coinvolti è molto spesso una questione di vita o di morte. L’abuso ed il traffico di droga sono una terribile realtà alla quale nessuno può sottrarsi. Il rifiuto porta solamente all’aggravamento della spirale distruttiva di corruzione e violenza.

L’eliminazione dell’abuso di droga dal nostro pianeta è un impegno coraggioso. Sono certo che con il coinvolgimento e l’impegno delle forze, a tutti i livelli, della famiglia umana potremo e faremo progressi.

 

[ REDAZIONEPRIVACY | SPONSOR ]
..

ENJOYrOLLING.org - Portale Italiano della Canapa © 1999-2004  Tutti i diritti riservati

-