[ HOME ]


.

HOME - ARRETRATI - IL disPIACERE DEL DOLORE
.
Quando ero libero di fare ciò che volevo del mio corpo, Dio non mi rifiutava nulla
San Jean Vianney, XIX secolo

Versione stampabile | Invia ad un amico

La libertà personale è anche: mortificazione delle carni, flagellazione, autolesionismo e body art.
Sono, come insegnano gli antropologi, tecniche per raggiungere uno stato alterato di coscienza, sono né più né meno dell'acido lisergico o delle metanfetamine, agenti psicotropi.
La chiesa e lo stato combattono il dolore scelto dei mistici, dei diversi e obbligano al dolore legale negli ospedali, nei manicomi, nelle carceri e nelle guerre.
Il dolore fisico non è, come vuole una morale, un'obbligo, è una scelta, e come ogni scelta deve essere consapevole e libera.
Cos'ha a che fare tutto questo parlar di dolore con la canapa?
Cos'ha a che fare la droga con il dolore?

In California è ammesso l'uso terapeutico della canapa, così come in Svizzera e in Olanda... In Spagna si sperimenta la somministrazione statale di eroina... In Italia è, a fatica, passata la somministrazione di oppiacei come terapia del dolore.
La terapia del dolore è un termine orrendo, politicaly correct, per pietà ai moribondi.
Una morte imminente e atroce, non è un dono di Dio, la sofferenza protratta non è certezza del paradiso.
La pietà viene confusa con l'illegalità, i medici che somministrano, violando regolamenti e leggi, droga ai sofferenti sono dei delinquenti ne più ne meno di chi vende eroina, ricavando profitti immensi. Questa è la legge, una legge che della pietà cristiana non conosce nemmeno l'etimologia.
La droga è male, il dolore è bene.
Nel nome del bene e del male, e non nel nome di Dio, si abbandonano uomini, donne e bambini. Anche i bambini, che dell'inconsapevolezza sono i tutori, devono soffrire.

La scelta del piacere passa per la libertà di decidere se soffrire o no, libertà che nessuno può delegare alle leggi.

Doctor Schultes

 

[ REDAZIONEPRIVACY | SPONSOR ]
..

ENJOYrOLLING.org - Portale Italiano della Canapa © 1999-2004  Tutti i diritti riservati

-