[ HOME ]


.

HOME - ARRETRATI - DIRITTO DI SCELTA
.
Ma se un signore di 50 anni finita la sua giornata...
Claudio Martelli, Sette/Corriere della Sera, maggio 2000

Versione stampabile | Invia ad un amico

Ma se un signore di 50 anni finita la sua giornata anziché un bicchiere di whisky si fa uno spinello non vedo che male c'è.

Claudio Martelli, Sette/Corriere della Sera, maggio 2000


Non mi piacciono i fondamentalismi, i pasdaran della droga a tutto spiano sono idioti come quelli della droga mai. Non credo al diritto alla droga come non credo al diritto alla casa, alla felicità, alla sessualità, al lavoro. La droga, così come la casa etc. è una scelta, una libera scelta personale.
Quando penso ai diritti così intesi per analogia mi trovo a pensare ai doveri. E non so perché mi viene in mente il dovere verso la patria, il dovere verso la famiglia, lo stato, la chiesa.
Ho un certo senso di nausea e collego indissolubilmente dovere a maggioranza, a Bene Comune o altre panzane del genere. Ho egoisticamente e felicemente fastidio della maggioranza, delle maggioranze, non è, mi pare ovvio, una questione politica, ma culturale.
La ricerca spasmodica di consenso mi ricorda un po' troppo Peron, Mussolini, Stalin, Hitler, Pol Pot, Franco, Tito, Ceausescu e tutti gli altri cercatori di maggioranze plebiscitarie a qualsiasi costo. Le adunate oceaniche non sono il nostro (scusate per l'appropiazione indebita del plurale maiestatis) fine. Il nostro fine è quello che Martelli (proprio lui il delfino di Craxi_Jervolino_Vassalli) ha lucidamente (tardivamente) ammesso: la libertà di consumare la canapa a casa nostra, con i nostri amici consenzienti, nei luoghi pubblici che volessero accettare questa possibilità, all'aperto passeggiando o facendoci un pic nic, ovunque questo comportamento non possa infastidire.
Il nostro fine è poter scegliere cosa fare, quando farlo e dove farlo con l'unica limitazione: non rompere i coglioni ad altri. Più che adunate oceaniche serve, e ne sono convinto, una sana e consapevole presa di coscienza individuale: consumare canapa non è un diritto, è una scelta che nessuno dovrebbe mai impedire a qualcun altro, neanche la maggioranza.


 

[ REDAZIONEPRIVACY | SPONSOR ]
..

ENJOYrOLLING.org - Portale Italiano della Canapa © 1999-2004  Tutti i diritti riservati

-